Home Chi Siamo Dove Siamo Link  

" Guarda  attentamente, poiché  nelle  stelle  è  scritta  la strada  di  ogni  uomo "  W. Shakespeare

 
 

Telescopi

Indietro

 

 

I telescopi astronomici sono strumenti ottici attraverso i quali è possibile esplorare l’ Universo che ci circonda. Sostanzialmente si tratta di strumenti in grado di catturare molta più luce di quanto non possa fare l’occhio umano e quindi di rivelarci oggetti altrimenti a noi invisibili. Inoltre, consentono un notevole ingrandimento dell’ immagine, fattore determinante nell’ osservazione dei pianeti e importante per cogliere fuggevoli dettagli della Luna e del Sole. Esistono innumerevoli tipi di telescopi, diversi per schema ottico, prestazioni e prezzi, e quindi adatti ad un utilizzo sia professionale che amatoriale.

Una prima classificazione dei telescopi può essere quella legata ai mezzi ottici utilizzati per la costruzione degli obiettivi: lenti o specchi.

GLOSSARIO

  • ABERRAZIONI OTTICHE - sono caratteristiche indesiderate dei mezzi ottici (lenti e specchi) che provocano deformazioni dell’immagine. Ne esistono di diversi tipi, ma qui ricordiamo le più importanti:

    - ABERRAZIONE SFERICA - è dovuta al fatto che i raggi che incidono su una lente (o su uno specchio) nei pressi del suo centro ottico (raggi parassiali) vengono focalizzati più lontani rispetto a quelli marginali. L’esistenza di infiniti fuochi fra quello marginale e parassiale provoca una sfocatura dell’immagine.

    - ABERRAZIONE CROMATICA - è dovuta al fatto che ogni vetro rifrange in modo diverso le diverse lunghezze d’ onda che compongono la luce incidente. Ad esempio, le lunghezze d’onda del blu vengono focalizzate prima di quelle del rosso e ciò crea una fastidiosa alonatura iridescente sull’ immagine. Gli specchi ne sono esenti, perchè riflettono la luce e non la rifrangono. Per ridurre tale aberrazione si usano vetri a bassa dispersione (ED) e/o combinazioni di lenti concave e convesse: le prime, infatti, sovracorreggono l’aberrazione e le ultime la sottocorregono.

    - COMA - mentre le due aberrazioni precedenti si verificano lungo l’asse ottico (aberrazioni assiali), il coma si presenta al fuori di esso (aberrazione extrassiale). E’ un’aberrazione simile a quella sferica, ma è dovuta alla diversa focalizzazione dei raggi paralleli che incidono obliquamente su una lente o su uno specchio. Ciò provoca una deformazione dell’ immagine, che assume l’ aspetto di una cometa (di qui il nome). Il coma è evidente soprattutto nei telescopi riflettori, e in particolar modo in prossimità del bordo del campo.

     

  • APERTURA - è il diametro dell’obbiettivo ed è anche la caratteristica più importante di un telescopio. Maggiore è l’apertura, maggiore sarà la luminosità (ovvero la capacità di catturare la luce), maggiore sarà il potere risolutivo (la capacità di distinguere i dettagli) e maggiore sarà il potere di ingrandimento.

     

  • APERTURA RELATIVA (f / ) - è il rapporto tra la lunghezza focale del telescopio e il suo diametro.

     

  • COLLIMAZIONE - è l’allineamento degli elementi ottici del telescopio su un unico asse (asse ottico).

     

  • GUADAGNO DI LUMINOSITÀ - è il rapporto fra il diametro dell’ obiettivo e la pupilla dell’ occhio elevato al quadrato.

     

  • INGRANDIMENTO - è il fattore che definisce quante volte un oggetto viene visto più grande (o più vicino). Si calcola dividendo la focale dell’ obiettivo per quella dell’ oculare. Se ad esempio si monta un oculare da 5 mm su un telescopio di 2000 mm focale, l’ingrandimento ottenuto sarà pari a 400 volte (400 x).

     

  • LUNGHEZZA FOCALE - è la distanza che intercorre tra la lente (o lo specchio) e il fuoco che essa genera. E’ un parametro molto importante nella scelta di un telescopio, che influenza il potere di ingrandimento.

     

  • OSTRUZIONE od OTTURAZIONE - nei telescopi a specchi, è il rapporto tra il diametro del secondario e quello del primario.

     

  • POTERE RISOLUTIVO - è la capacità di un obiettivo di distinguere i particolari di un’ immagine. Si calcola approssimativamente applicando la formula di Dawes: Pr (“) = 120 / D (mm) dove D = diametro dell’obiettivo.

     

  • PUPILLA D'USCITA - è il rapporto tra il diametro dell’ obiettivo e l’ ingrandimento.

     

  • TRATTAMENTO ANTIRIFLESSO - è un trattamento che si esegue sulle lenti per aumentarne la trasmittanza, ovvero la quantità di radiazione che le può attraversare senza essere riflessa dalle superfici del vetro. Si ottengono per deposizione sotto vuoto spinto di strati di ossidi metallici. Possono essere monostrato (in questo caso la trasmittanza non supera il 96-98%) o multistrato (SMC). Questi ultimi sono molto più costosi ma la trasmittanza raggiunge valori superiori al 99%.

 

Home | Chi siamo | Dove siamo | Appuntamenti | Astronomia | Asteroidi | Atlante lunare | Photogallery | Utility | Riservato soci| Contattaci

 

Questo Sito e' stato ideato esclusivamente per fini amatoriali, didattici ed informativi  non commerciali ; nessun emolumento deriva all'autore dalla stesura delle pagine che sono il frutto di pura attività ricreativa, didattica senza alcun scopo di lucro; in ottemperanza alla legge n.62 del 7/3/2001, recanti norme sull'editoria, si rende noto che il sito è curato senza alcuna periodicità, ed aggiornato in maniera assolutamente casuale; è vietata la vendita e la commercializzazione delle foto e della documentazione presente sul Sito, gentilmente e gratuitamente concesse da Soci, Autori, Editori ed Enti. -  Se  inavvertitamente sono presenti immagini o documenti protetti  copyright si prega di segnalarlo che prontamente provvederemo alla  sostituzione  info@arcturus.len.it.