Home Chi Siamo Dove Siamo Link  

" Guarda  attentamente, poiché  nelle  stelle  è  scritta  la strada  di  ogni  uomo "  W. Shakespeare

 
 

Astrofisica

Indietro

 


Anche se molti di noi credono il contrario, la scienza non è destinata a dirci "la verità" sul mondo: non nel senso, almeno, di una descrizione assolutamente completa ed esauriente di tutti gli aspetti della realtà fisica e delle loro relazioni reciproche, né di una spiegazione incontrovertibile e definitiva delle cause ultime dei fenomeni che osserviamo. A proposito delle cause, vale ancora l’atteggiamento modesto di Newton che, di fronte alle richieste dei suoi critici di spiegare la "natura" della forza di attrazione gravitazionale, ammetteva di non conoscerla, e di non volersi lanciare in spiegazioni prive del necessario fondamento: "hypotheses non fingo", "non invento ipotesi". In realtà di "ipotesi" è costruita tutta la scienza: ipotesi su descrizioni più o meno accurate dei fenomeni, "modelli" che dall’accumulo sempre crescente di materiali derivati dall’osservazione scelgono quelli più suscettibili di essere messi in relazione tra loro e li organizzano, li connettono in una rete di rapporti esprimibili in forma matematica: quello che, in termini moderni, si chiama una "teoria scientifica". Questo è tanto più vero quando, dal XVII secolo in poi, la fisica moderna si è addentrata sempre più nella descrizione di due regioni del mondo molto lontane dalla nostra capacità di osservazione immediata: quella dell’infinitamente grande (non solo i pianeti del sistema solare, ma le stelle e le galassie e gli ammassi di galassie più lontane e i grandi spazi - vuoti? - che stanno tra loro) e quella dell’infinitamente piccolo (non solo le molecole che costituiscono la materia osservabile, ma gli atomi che formano le molecole, e le entità ancora più piccole che costituiscono gli atomi, le particelle elementari dotate di massa e/o di carica elettrica, e gli ipotetici costituenti di quelle particelle, i quark, in un gioco di riduzione al "sempre più piccolo" che ha del vertiginoso). Le due grandi teorie fisiche che nel XX secolo hanno corretto, affinato (o forse soppiantato) la fisica di Newton, cioè la teoria della relatività di Einstein e la teoria dei quanti, ci hanno insegnato che quelle due regioni del mondo, apparentemente così distanti, non lo sono affatto, che le leggi del mondo microscopico, opportunamente impiegate, spiegano anche il comportamento del mondo macroscopico. L’astrofisico e il cosmologo, quindi, oggi maneggiano gli stessi elementi con cui ha a che fare il fisico delle particelle: elettroni, protoni, neutroni, e poi neutrini, mesoni, muoni, fotoni, gluoni, le forme di organizzazione basilari della materia, insomma, possono essere studiate sulla terra, nei complicatissimi e costosissimi laboratori costruiti dall’uomo, così come nel cosmo, nei lontani spazi siderali e nel cuore delle stelle, per tentare di ricostruire, nel modo più plausibile possibile, le origini e la storia dell’universo in cui viviamo - e forse anche il suo futuro.

L’astrofisica, che oggi rappresenta la componente più importante degli studi astronomici, è una branca della fisica relativamente giovane, perché iniziò a svilupparsi alla metà del XIX secolo. Il suo strumento di indagine principale fu lo spettroscopio, cioè uno strumento in grado di scomporre la radiazione luminosa (e successivamente ogni altro tipo di radiazione elettromagnetica, dato che la luce visibile non è che un caso particolare di quest’ultima) nelle sue componenti fondamentali, che per la luce sono le frequenze delle singole radiazioni monocromatiche, corrispondenti ai colori fondamentali. Attraverso l’analisi di questi insiemi di radiazioni (appunto gli "spettri") emessi dai corpi celesti, spettri che iniziarono a essere interpretati con l’ausilio delle teorie delle radiazioni sviluppate tra le fine del XIX secolo e l’inizio del XX, è possibile risalire alla composizione dei suddetti corpi, cioè agli elementi chimici che li compongono. Spettroscopia e spettrografia (la registrazione degli spettri su lastre fotografiche) hanno dovuto basarsi unicamente sulla luce visibile fino a circa la metà di questo secolo, ma dalla fine degli anni Quaranta lo sviluppo della radioastronomia ha permesso di analizzare anche altri spettri, relativi alle radiazioni nel campo dell’ultravioletto e dell’infrarosso (cioè le radiazioni con frequenza rispettivamente maggiore e minore delle frequenze visibili all’occhio umano). Negli anni Sessanta, poi, la costruzione e la messa in orbita dei satelliti hanno consentito progressi ancora più veloci, culminati (per il momento) con la messa in orbita attorno alla terra di un telescopio spaziale, il telescopio Hubble. Negli ultimi trenta o quarant’anni l’analisi dell’intero spettro della radiazione elettromagnetica delle stelle ha portato alla scoperta di sempre maggiori informazioni sulla loro natura, sui processi chimici di cui sono sede, sugli effetti macroscopici e microscopici di questi processi, sulla loro storia. Gli scienziati hanno così potuto affinare le loro teorie e cominciare a dare risposte sempre più concrete e complesse (mai, però, definitive) alle domande che da sempre l’uomo si pone sul cosmo: l’universo ha avuto un inizio? è finito o infinito? qual è la sua forma, la sua struttura? l’universo avrà una fine?

Risposte non definitive, dicevamo. Ciò non toglie che, come sempre accade, la comunità degli scienziati abbia finito per raccogliersi attorno a una ipotesi, a un modello della storia e dello sviluppo del cosmo, che sembra risultare preferibile: è la cosiddetta "teoria del big bang". Essa non è accettata universalmente nella comunità scientifica, e periodicamente vengono avanzate ipotesi alternative per superare le contraddizioni ancora inerenti a quella teoria e per tener conto dei "fatti" che essa non riesce a inglobare. Ma, a tutt’oggi, la teoria del big bang è quella che ottiene il maggiore consenso fra gli scienziati, e una teoria rivale in grado di scalzarla sicuramente non è ancora apparsa. Secondo questa teoria, dunque, la storia dell’Universo come noi lo conosciamo oggi sarebbe iniziata, in un momento variabile fra i 10 e i 16 miliardi di anni fa, da una situazione estremamente, per così dire, "concentrata", cioè da un Universo di dimensioni estremamente ridotte, tendenti a zero, e invece di temperatura e densità elevatissime, tendenti all’infinito. Questa situazione avrebbe prodotto appunto una "grande esplosione", in cui per alcuni minuti le particelle elementari e le loro opposte (le "antiparticelle") avrebbero continuato a distruggersi reciprocamente liberando enormi quantità di energia che davano luogo ad altre coppie di particelle e antiparticelle, e così via; fino a che, per qualche minuto, si sarebbero create condizioni di temperatura e densità tali da consentire l’agglutinarsi di protoni e neutroni in nuclei di elio e di deuterio (un isotopo dell’idrogeno), e quindi la materia avrebbe iniziato a prendere la forma che conosciamo oggi. Le stelle (ma anche il gas interstellare presente fra le galassie) non sarebbero altro che le eredi dei primitivi agglomerati formatisi nei primi 7 minuti successivi al big bang, e che hanno cominciato da quel momento ad allontanarsi reciprocamente. Con questa teoria si spiegherebbe dunque l’allontanamento delle galassie fra loro con velocità proporzionale alla distanza, la spiegazione proposta nel 1929 dall’astronomo Edwin Hubble per dar conto dello spostamento verso il rosso delle righe spettrali delle galassie. Ma la teoria del big bang si accorda anche con la presenza all’interno delle stelle di deuterio, una sostanza che non potrebbe essersi formata successivamente, e con la cosiddetta "radiazione cosmica di fondo", energia raggiante uniforme alla temperatura di 2,7 gradi Kelvin (circa -270°C), scoperta nel 1964. Certo, come abbiamo detto, molti problemi restano insoluti. Come restano insoluti nella vita delle stelle: gli scienziati sono riusciti a ricostruire la storia delle stelle perché esse sono visibili grazie alla luce, che ha una velocità finita anche se molto grande (ca. 300.000 km/sec), e quindi noi osserviamo oggi le stelle più lontane in uno stadio molto primitivo della sua evoluzione. Così oggi sappiamo che il destino delle stelle di massa molto elevata è quello di diventare supergiganti, esplodere in una supernova e poi collassare in una stella di neutroni (che costituirà forse un buco nero); mentre quello delle stelle di massa minore, come il nostro Sole, è quello di trasformarsi dapprima in giganti rosse e poi in nane bianche. Ma gli enigmi rimangono, come le quasar, come il calcolo della massa dell’universo, che presupporrebbe una enorme quantità di materia non rilevabile. Problemi aperti alla ricerca...

 

 

Home | Chi siamo | Dove siamo | Appuntamenti | Astronomia | Asteroidi | Atlante lunare | Photogallery | Utility | Riservato soci | Contattaci

 

Questo Sito è stato ideato esclusivamente per fini amatoriali, didattici ed informativi  non commerciali ; nessun emolumento deriva all'autore dalla stesura delle pagine che sono il frutto di pura attività ricreativa,didattica senza alcun scopo di lucro; in ottemperanza alla legge n.62 del 7/3/2001, recanti norme sull'editoria, si rende noto che il sito è curato senza alcuna periodicità, ed aggiornato in maniera assolutamente casuale; è vietata la vendita e la commercializzazione delle foto e della documentazione presente sul Sito, gentilmente e gratuitamente concesse da Soci, Autori, Editori ed Enti. -  Se  inavvertitamente sono presenti immagini o documenti protetti  copyright si prega di segnalarlo che prontamente provvederemo alla  sostituzione  info@arcturus.len.it.